L’omosessualità – una strenua difesa

1.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’omosessualità non è considerata una preferenza alla stregua della normalità, in quest’epoca. Amare una donna, e per lo più un donna di trenta anni più grande, è una devianza.Devianza voluta o innata rimane un mistero. Però sta di fatto che sin da bambini ci hanno cresciuti con l’idea che un uomo può amare solo un’altra donna, e viceversa, una donna può amare solo un altro uomo, non un’altra donna:eppure la morale cristiana ci spinge a considerarci tutti fratelli tra di noi, tutti figli di uno stesso Dio, esseri venuti dalla stessa carne e cresciuti da diversi genitori.Dico questo perché, spesso, coloro che “parlano male” dell’omosessualità lo fanno nel nome di una “morale cristiana”: sono costoro le persone che credono di avere la verità in tasca.

Secondo l’Antico Testamento, Dio ha fatto prima l’uomo e poi la donna, che è parte integrante dell’uomo perchè sua costola. Perciò l’uomo non divida ciò che Dio ha unito: e Dio ha unito uomo e donna, non donna e donna o uomo e uomo. Quello che insegna l’Antico Testamento è bellissimo, però a me piace considerare l’amore di Adamo ed Eva come la felicità di Adamo ed Eva, due persone, ma non tutta l’umanità. Non so se mi spiego, il mio ragionamento è personale, esula dalle interpretazioni dei biblici seri, e tuttavia, è più aderente alla realtà di quanto non lo siano le loro: per me l’Antico Testamento non è la parola di Dio, è solo la parola di uomini che cercano Dio. Per il Vangelo, invece, è diverso: Dio, sceso tra gli uomini, parla con loro, sconvolgendo il loro modo di vedere tradizionale. Gesù parla di valori universali, non discrimina. Io considero perciò l’Antico Testamento – compresa la storia di Adamo ed Eva – più un racconto scritto da cercatori di Dio che da trovatori di Dio: un racconto di uomini, di alcuni uomini, Ebrei in specie, ma non di tutti. Io non sono Eva, io non sono Adamo: e non amo come amavano loro, semplicemente questo.

L’amore non è uno solo! E l’omosessualità non è una devianza, ma una semplice diversità. Una diversità che – certamente – Dio non disprezza. Sì, perché solo un Dio crudele darebbe vita a un uomo che, così com’è, non ha per lecito d’amare; che Dio sarebbe? Non certo un Dio d’amore.

Inoltre, si basano su un falso pregiudizio coloro che considerano l’omosessualità il frutto di una società in degrado: l’omosessualità è sempre esistita – gli esempi da fare sarebbero tantissimi  – ed è esistita anche in epoche di splendente civiltà, ad esempio nella Grecia classica. Per contrasto, l’uomo ha compiuto le più grandi barbarie proprio quando ha agito in nome della “purezza”, cancellando ogni diversità e ponendo le basi delle stragi di massa.

In realtà, vera civiltà è comprensione delle differenze, tolleranza, convivenza reciproca.

L’omosessualità ha sì una sua libertà individuale al giorno d’oggi, non lo si può negare, – e vi sono anche casi di eccessi negativi, in cui viene sbandierata come una moda o viene resa oggetto di scabrose curiosità di massa -, ma ha un suo legittimo e corretto inserimento in società? Non ritengo i due elementi separabili, ma imprescindibili. Come può essere libero individualmente un cittadino dal momento che il suo orientamento sessuale ne condiziona problematicamente il rapporto familiare, religioso, scolastico o lavorativo? A me, insomma, pare evidente che questo tipo di traguardo, soprattutto nella società odierna, ancora non si è raggiunto: e anzi, è proprio in questo clima di oscurantismo che crescono i sensi di colpa, le repressioni sessuali, le confusioni, i pregiudizi, le falsità! In fondo, gli omosessuali sono e resteranno sempre una minoranza, una delle incognite più grandi ed interessanti della vita, ma non per questo dannose! Ciò che fa davvero la differenza in una società sono le persone, non il loro orientamento sessuale: intelligenza e coscienza personale di ciascuno, valori condivisi e sensibilità collettiva … chi davvero non ha capito questo, imputerà sempre agli altri devianze che, forse, gli sono proprie.

L’omosessualità – una strenua difesaultima modifica: 2010-05-06T15:44:00+00:00da hamlet91
Reposta per primo quest’articolo

3 pensieri su “L’omosessualità – una strenua difesa

  1. Concordo pienamente anch’ io! L’ omosessualita’ non e’ ancora pienamente accettata, spesso gli omosessuali sono piu’ sensibili rispetto agli eterosessuali, l’ importante e’ non negarla e mostrarla agli altri. Non so se hai visto la puntata di italian’s got Talent, credo che sia servita a molti per capire!

Lascia un commento